E-MAIL@ME

Se siete interessati alle mie creazioni, volete che crei qualcosa per voi o volete qualche informazione in più, mandatemi una mail a:

lemiecoccole@gmail.com

Sarò felice di rispondervi!

giovedì 16 maggio 2013

E se il Rifugiato... la genesi


Tutto ebbe inizio all’alba dei tempi in un lontanissimo e freddo dicembre di un paio di anni fa.
Il rifugiato vagava per paesi e città in cerca del “regalo giusto” da fare a Natale.  Il sacco di Babbo Natale era ormai colmo e il budget fissato era ormai agli sgoccioli ma mancava quel non so che di imprevedibile, quel regalo inaspettato, quel regalino che ti fa dire …WOW!
Premetto che non è semplice fare regali alla mia amatissima e dolcissima metà: ogni volta, ancor prima di aprire i pacchi, riesce ad indovinare quel che c’è dentro ed è impossibile così stupirla…
Ma per quel Natale volevo rompere gli schemi e prenderle qualcosa che desiderava e che magari potesse pure essere utile in casa.
Gira che ti rigira mi son trovato di fronte ad un bancale di scatole in offerta speciale. Il contenuto di queste scatole??? … una macchina da cucire! Una semplicissima ed utilissima macchina da cucire!
Mi sono illuminato! Con quel regalo avrei fatto contenta lei, che la desiderava tanto per cucire su stoffa i suoi lavori fatti a punto croce, e avrei fatto un regalo utile per la casa… pensavo io…
Già… il mio cervello si era azzardato di pensare che con una macchina da cucire non ci sarebbero più stati problemi di calzini da sistemare, di calzoni con strappi o buchi, di camice rovinate, di maniche da accorciare, di tende per le finestre da mettere a misura… e la lista potrebbe essere ancora infinita…
Magari non è andata proprio come la pensavo io, ma…
Il regalo è piaciuto e anche molto e in giro per casa non ci son più indumenti da sistemare…  no, non perchè siano stati rammendati, ma perchè si sono magicamente trasformati in splendidi pupazzetti,  in amici di gioco per bambini , in bamboline profumate, in gomitoli di fettuccia…
Ho imparato che a vivere con una creativa non si sa mai come si trasformano le cose, ma tutto ciò che accade è sempre una nuova avventura.

E tutto questo post per dire che… se sono un RIFUGIATO perché convivo con una creativa, alla fine…. È sempre e comunque colpa mia!!!


10 commenti:

  1. il sunto di tutti questi post è che è sempre colpa di qualcuno.... chissà di chi! ;)
    Consolati, Rifugiato, a casa mia i pantaloni sono sempre con l'orlo da fare, le stoffe comprate per farne meravigliose tovaglie per la cucina sono puntualmente utilizzate per creare qualcos'altro... é una vitaccia, quella di marito di una creativa! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. finalmente una santa donna che mi può comprendere!!! grazie Francesca!

      Elimina
  2. Bravo ai ragione... è sempre colpa tua!
    Fattene una ragione
    ahahahah :-P

    RispondiElimina
  3. AHAH!!! simpaticissimo questo post, ma dai che sei l'uomo più fortunato del mondo!
    Perchè hai sposato una creativa!
    ciao a entrambi Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria e benvenuta in questo piccolo angolo del giovedì dedicato al Rifugiato!!! comunque sì... nonostante tutto son fortunato ad avere la creativa al mio fianco!

      Elimina
  4. Che teneroni il Rifugiato e la Mogliettina!

    RispondiElimina
  5. almeno tua moglie trasforma le cose! io le compro e rimangono lì, in attesa di... mio marito dice che sono un'opera incompiuta.
    gloria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HAHA Gloria ma come fa tuo marito a dirti che sei un'opera incompiuta?!? di sicuro sarà super soddisfatto dell'opera che hai compiuto a fine gennaio di quest'anno!!! ;)

      Elimina